Torino - Milan | #PrePartita

Settimana ricca di polemiche visto che il Milan ha prima subito la rimonta del Parma incampionato e poi è stato sconfitto in casa nella semifinale di Coppa Italia, dando l'addio alla finale e alla possibilità di vincere il primo trofeo della gestione Elliott. Adesso testa alla Champions League, con l'obiettivo, da qui alla fine della stagione, di tenere il 4° posto e chiudere il campionato con la qualificazione per la prossima stagione alla coppa più prestigiosa, che vorrebbe anche dire una bella boccata d'ossigeno per i conti della società. 


Il Milan era partito secondo quasi tutti i pronostici, molto indietro rispetto alle squadre che precede, ma ha saputo dimostrare grande capacità e punto dopo punto ha messo insieme la possibilità di finire nuovamente in Champions, come non succedeva da molte stagioni, Difatti, nelle scorse annate, a questo punto del campionato, spesso si navigava a metà classifica, o al massimo si è ottenuto un 6° posto, stavolta, invece, la possibilità di chiudere al 4° c'è ed è reale, ma vanno giocate al meglio le partite e non sono concessi cali di tensione, come quelli che finora hanno fatto perdere al Milan il 3° posto e punti di vantaggio importanti che avrebbero potuto chiudere il discorso lasciando alle avversarie la possibilità di giocare si in Europa ma nella seconda competizione UEFA.
Per questo motivo, i rossoneri non possono più sbagliare, a cominciare dalla trasferta di Torino, di Domenica 28 Aprile alle ore 20.30 allo stadio Olimpico,  in cui giocheranno con una delle rivali per il 4° posto, con diretta esclusiva sui canali Sport e Calcio di Sky. 
Arbitro della sfida sarà il signor Guida della sezione di Torre Annunziata, che non ha mai diretto questa sfida, e che in questa stagione ha fischiato 4 volte coi rossoneri, con un bilancio di 1 vittoria, quella interna con la Roma, un pareggio, in trasferta a Frosinone, e 2 sconfitte, entrambe con l'Inter nel derby cittadino. 
A completare la squadra arbitrale, Preti e Valeriani come assistenti di linea, Mariani il 4° uomo, e al VAR Rocchi e Meli.
Fra Torino e Milan finora ci sono state 197 sfide, con un bilancio a Torino su 98 partite giocate, 35 vittorie granata, 44 pareggi e 19 vittorie milaniste. 
All'andata la partita è finita 0-0, mentre lo scorso anno a Torino la partita terminò 1-1 coi gol di Bonaventura e De Silvestri. 
Il Torino non batte il Milan in casa dal novembre del 2001, quando un rigore del granata Lucarelli costò la panchina a Terim, e iniziò il ciclo vincente di Carlo Ancelotti, da allora 11 pareggi e 11 vittorie rossonere. 
Il Milan, è la squadra contro cui il Torino ha pareggiato più volte in Serie A, sono ben 55, inclusi gli ultimi 4 confronti e le ultime gare casalinghe che sono finite 2 volte per 2-2 e e 3 volte 1-1.
Torino (10) e Milan (11) sono le due squadre che hanno subito meno gol in questo 2019, anche se i rossoneri ne hanno subiti ben 9 nelle ultime 7 partite di campionato. 
L'unico ex che troviamo è Ignazio Abate, attuale terzino rossonero e in granata nella stagione 2008/09, l'ultima in giro per l'Italia prima del rientro alla casa madre milanista. 
In campo, invece, Torino schierato da Mazzarri col solito 3-5-2 con Sirigu in porta, Izzo, Nkoulou e Moretti in difesa, De Silvestri, Lukic, Meitè, Rincon e Ansaldi a centrocampo, Berenguer e Belotti in attacco. 
Il Milan, invece, è schierato da mister Gattuso col 4-3-3 con Gigio Donnarumma tra i pali, Conti, Musacchio, capitan Romagnoli e Rodriguez in difesa, Kessiè, Bakayoko e Paquetà a centrocampo, Suso, Cutrone e Calhanoglu in attacco. 



Manfredi Restivo
Amazing Milan

Nessun commento:

Posta un commento