Juventus - Milan | #PrePartita


Il clima dopo il pareggio interno contro una formazione non irresistibile come l'Udinese non è dei migliori, e la gioia legata a vittorie e al 3° posto che era stato raggiunto col sorpasso all'Inter sembra ormai lontana. Ora il clima che si respira è teso e c'è nervosismo, per gli ultimi risultati della squadra che rischiano di mettere in discussione il posto in champions con ricadute pesanti in termini economici visti i soldi che questa competizione distribuisce e per l'appeal che riscuote.

Certo, c'è da dire che se si guarda all'inizio della stagione, e da dove si è partiti con la squadra salvata dal fondo Elliott a fine luglio e un mercato fatto da Leonardo e Maldini in sole due settimane o poco più, e alle stagioni precedenti, essere lì a giocarsela è già un risultato importante. Però per questa società sarebbe importante la qualificazione Champions e consentirebbe un ulteriore rilancio con benefici anche sul prossimo campionato in termini di morale e di possibilità di ulteriori acquisti. 
Comunque, la stagione ancora non è finita, e non tutto è perduto, ma adesso gli errori bisogna azzerarli, perché è vietato sbagliare, ed inoltre, c'è anche una finale da conquistare, per provare a giocarsi il trofeo, da mettere in bacheca e far alzare il livello qualitativo della rosa attuale, perché vincere è la migliore medicina per guarire dal mal di risultati. 
Per risollevarsi arriva forse la peggior squadra da affrontare al momento in Italia, la Juventus che ha finora dominato la stagione in Italia, con un filotto di risultati incredibili e con una sola sconfitta in campionato, che è in testa alla classifica e lanciata verso il suo 8° scudetto consecutivo, che verrà affrontata oggi pomeriggio alle 18 all'Allianz Stadium di Torino con diretta esclusiva sui canali calcio di Sky.
La direzione di gara è affidata al signor Fabbri Micheal Fabbri della sezione di Ravenna, che ha diretto 5 volte il Milan con un bilancio di 3 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta. In questa stagione ha diretto una sola volta i rossoneri, nella trasferta di Empoli, terminata 1-1, ed è alla prima direzione tra Juventus e Milan.
A completare la squadra arbitrale, i signori: Ranghetti e Del Giovane come assistenti di linea, La Penna che sarà il 4° uomo, al VAR Calvarese e Tolfo.
Fra Juventus e Milan sarà la sfida numero 231, con un bilancio a Torino sulle 117 partite giocate che vede 57 vittorie juventine, 31 pareggi e 29 vittorie milaniste. 
Lo scorso anno la partita finì 3-1 per la Juventus, mentre all'andata la partita è finita 2-0 coi gol di Mandzukic e Ronaldo, invece nella Supercoppa, giocata a gennaio vittoria bianconera per 1-0.
Il Milan ha vinto solo 1 delle ultime 12 partite giocate contro la Juventus, mentre nelle altre 11 partite la vittoria è sempre stata bianconera, però nell'unico successo la porta milanista è rimasta inviolata.
La Juventus è una delle quattro squadre ancora imbattute in casa nei principali campionati europei, il Milan aveva collezionato un ottimo ruolino di marcia in trasferta, prima della sconfitta contro la Sampdoria, e non perde due trasferte consecutive da ottobre 2017, in quel caso furono 3 poi le sconfitte prima di azzerare la serie. 
Il Milan non è mai riuscito a vincere allo Stadium, ha solo ottenuto 1 pareggio, in Coppa Italia peraltro, in campionato sono arrivate 7 sconfitte su 7 partite giocate finora. 
Ultima vittoria a Torino, fu quella della stagione 2010/2011 con gol decisivo di Gattuso, attuale mister rossonero, giocata all'Olimpico di Torino.
Gli ex della sfida sono tutti bianconeri, De Sciglio, cresciuto nelle giovanili rossonere e poi passato in prima squadra fino alla scorsa stagione quando si è trasferito a Torino nella Juventus, Bonucci, nuovamente bianconero quest'estate dopo aver disputato al Milan la scorsa stagione con la fascia di capitano al braccio, e infine, Massimiliano Allegri, allenatore del Milan per 4 stagioni in cui ha conquistato lo scudetto, l'ultimo vinto dal Milan.
La Juventus verrà schierata dal mister Allegri col 3-4-1-2 con Szczesny in porta, De Sciglio, Bonucci e Rugani in difesa, Cancelo, Betancur, Emre Can e Spinazzola a centrocampo, Bernardeschi trequartista dietro a Dybala e Mandzukic in attacco. 
Il Milan, invece, ha qualche infortunato e questo costringe mister Gattuso a dover inventare una nuova formazione, lasciando a casa Paquetà, Conti Gigio Donnarumma e squadra schierata col 4-4-2, con Reina tra i pali, Calabria, Musacchio, capitan Romagnoli e Rodriguez in difesa, Borini, Kessiè, Bakayoko e Calhanoglu a centrocampo, Piatek e Cutrone  in attacco. 



Manfredi Restivo
Amazing Milan


Nessun commento:

Posta un commento