Quanti rimpianti!

Udine non è un campo dove siamo fortunati. È sempre stato così. È una maledizione. Il pareggio è ancor più amaro se si pensa che il Milan, nonostante i 90 minuti reduci dal match di Tim Cup contro la Lazio, è stato padrone del campo per almeno 75 minuti.
E poi cosa è successo? Non si vuole necessariamente colpevolizzare Calabria, ma è inutile negarlo: il gol dell'Udinese è figlio di quell'espulsione. Nel momento in cui la squadra è rimasta in 10, i nostri ragazzi non hanno reagito per circa 10 minuti e lì il Milan ha subìto il pareggio. 

Certo, Donnarumma ha fatto due miracolosi interventi, ma obiettivamente  è proprio nel momento dell'espulsione che il Milan è venuto a mancare. Se si vuole poi cercare l'ago nel pagliaio, possiamo anche sottolineare il fatto che il Milan non ha un centravanti degno di nota. E anche lo stesso Cutrone non è sempre decisivo, ma è decisamente più voglioso.

Ma cosa c'è da salvare dalla trasferta di Udine? Sicuramente il gol di Suso che è sembrato più lucido delle ultime uscite. Altre note positive sono ancora tutte del reparto arretrato e del centrocampo. L'unico che forse è sembrato un po' più in affanno è stato Jack. Per il resto il Milan è stato ordinato, attento, padrone, e anche sfortunato. E soprattutto il Milan ha reagito e ha continuato ad attaccare nonostante l'uomo in meno.

Le cose che non vanno, a parte Calabria che è stato tra i migliori prima dell'espulsione, sono sicuramente da ricercare in fase di finalizzazione: Andrè Silva e Kalinic non hanno inciso e il portoghese ha sulla coscienza il gol divoratosi da solo davanti a Bizzarri nel primo tempo.

Adesso però si deve ripartire. Udine non è un passo falso, ma un grande rammarico e, anche se a fatica, il punto ci può stare. Ma gli impegni non finiscono. Questo Febbraio sarà un mese durissimo e ci saranno anche gli impegni di Tim Cup e Europa League. Al mister l'arduo compito di mantenere alta la concentrazione della truppa e far sentire tutti protagonisti di questo Milan. 



Andrea Armando Sciascia
Amazing Milan

Nessun commento:

Posta un commento