Milan - Genoa | #PrePartita

Ore di tensione in casa Milan che dopo la sconfitta nel derby e il periodo negativo in termini di risultati non si è nemmeno rilassato giovedì in Europa League e, anzi, lo scialbo 0-0 in casa contro l'Aek Atene ha acuito la crisi di gioco e risultati ulteriormente. 

Sembra infatti che la prossima partita sia l'ultima spiaggia per Montella, che in caso di ulteriore stop otterrebbe la quarta sconfitta consecutiva, la quinta su nove giornate di Serie A, e rischierebbe fortemente di essere esonerato. 

I principali capi d'imputazione oltre alla mancanza di risultati con una squadra che arranca a metà classifica e che ha fallito tutti gli scontri diretti, perdendo contro Lazio, Roma e Inter, sarebbero la mancanza di gioco e la poca chiarezza tattica visto che si è partiti dal 4-3-3 per arrivare al 3-5-2 e nel mezzo aver usato anche il 3-4-1-2 e il 4-4-2. 
Inoltre molti dei nuovi acquisti ancora non hanno mostrato il loro reale valore e in campo sembrano sempre spaesati e sovrastati dagli avversari, così da condizionare i risultati della squadra. 

In questo clima di profonda incertezza e di tensione, che farà pesare il pallone come un macigno, il Milan dovrà affrontare il Genoa che arriva a San Siro rilassato dopo la vittoria in trasferta contro il Cagliari e che ha causato l'esonero per Rastelli. Per i rossoneri, invece, non sono ammessi ulteriori passi falsi, servono obbligatoriamente i 3 punti. 

La partita si giocherà Domenica 22 Ottobre alle ore 15 con diretta su Sky Calcio 2 e su Mediaset Premium Sport 2. 
La direzione di gara è affidata al signor Giacomelli di Trieste che vanta 91 presenze in Serie A e che ha già arbitrato il Milan in 9 occasioni con 5 vittorie rossonere, 2 pareggi e 2 sconfitte di cui una proprio contro il Genoa in casa, nella stagione 2014-2015, che finì 1 a 3 per i rossoblù con le reti di Bertolacci, raddoppio di Niang, riaprì la partita Mexes che poi però commise il fallo da rigore del 3 a 1 finale con successiva realizzazione di Iago Falque. 
Assistenti saranno Posado e Di Vuolo, quarto uomo La Penna e al VAR Mazzoleni e Dobosz.

Lo scorso anno fra le due squadre ci fu una vittoria a testa, all'andata Genoa vittorioso in casa per 3-0 e al ritorno Mati Fernandez segnò il gol decisivo per la vittoria rossonera. 
Le due squadre arrivano alla sfida di domenica con umori contrastanti, il Milan è obbligato a vincere e a ripartire dopo le 3 sconfitte consecutive del mese di ottobre che lo hanno allontanato dalla vetta della classifica e dalla zona Champions, il Genoa, in forte contestazione da parte dei tifosi contro la proprietà e partito con l'obiettivo di salvarsi aveva cominciato la stagione arrancando nelle prime giornate, però ha trovato una vittoria importante domenica e si è allontanato dalle zone calde, salvando anche la panchina di Juric che era stata messa in discussione. 

Fra le due squadre ci saranno diversi ex in campo visti buoni rapporti tra le società. Troviamo Bertolacci e Lapadula, rossoneri fino alla scorsa stagione e trasferitisi al Genoa nella scorsa sessione di mercato e Taarabt, che ha giocato col Milan da gennaio a giugno 2014 mettendosi in mostra con 14 presenze e 4 reti. 
Nel Milan, invece, troviamo Antonelli, in rossoblù da gennaio 2011 a gennaio 2015 prima di far ritorno a Milanello, Antonio Donnarumma che ha giocato nel Genoa dal 2012 al 2014 con una sola presenza in Serie A e Leonardo Bonucci che venne acquistato dal Genoa nel 2009 ma venne sempre ceduto per fare esperienza prima del definitivo trasferimento alla Juventus.

Quanto alle formazioni che scenderanno in campo, per il Milan, mister Montella dovrebbe mandare la squadra col consueto 3-4-3 e Gigio Donnarumma in porta, difesa con Musacchio, capitan Bonucci e Romagnoli, a centrocampo Borini, Kessiè, Biglia e Ricardo Rodriguez, in attacco SusoKalinic e Bonaventura.
Per il Genoa mister Juric si affida al 3-5-1-1 con Perin in porta, Izzo, Rossettini e Zukanovic in difesa, Rosi, Rigoni, Bertolacci, Miguel Veloso e Laxalt a centrocampo, Taarabt in appoggio a Galabinov favorito su Lapadula in attacco.



Manfredi Restivo
Amazing Milan 


Nessun commento:

Posta un commento