Milan 1-0 Cagliari | Le pagelle

DONNARUMMA 6: Bravo nell'unica circostanza in cui viene chiamato in causa sul tiro di Barella. Nella ripresa non viene mai impegnato. 

ABATE s.v : Troppi pochi minuti per poter esprimere un giudizio. E' vittima dell'entrata killer di Bruno Alves. (Dal 27' ANTONELLI 6: Da sostanza alla squadra nel momento del bisogno. Spinge con veemenza nel serrate le fila finale.) 

PALETTA 7 (Il migliore) : Interrompe tutti i potenziali contropiedi del Cagliari. E' la sorpresa positiva della nostra stagione ; Da conservare in una teca. 

ROMAGNOLI 6,5: Non commette sbavature in marcatura ed è bravo nel far ripartire la manovra offensiva rossonera. 

DE SCIGLIO 6,5: Molto bene in entrambe le fasi di gioco. In crescita di rendimento dopo un inizio di campionato disastroso. 


LOCATELLI 6,5: Prestazione da leader consumato. Preziosissimo nei contrasti, gioca con una tigna sorprendente per essere un diciannovenne. 

PASALIC 5 (Il peggiore) : Il giovane croato si perde nei meandri del centrocampo risultando inconsistente. Sono lontani i fasti di Doha. (Dal 79' LAPADULA 6,5: La sua energia cambia la partita. Si inventa l'assist per il gol di Bacca da puro giocatore di strada. Iniziano a diventare tante le partite risolte dalle giocate di Lapadula.) 

BONAVENTURA 5,5: Poco dinamico in entrambi i tempi. Nella ripresa non si fa proprio notare. (Dal 70' BERTOLACCI 5,5: Non entra bene in partita e commette troppi errori dal punto di vista tecnico.) 

SUSO 6: Il migliore del trio offensivo rossonero. Col sinistro pennella cross invitanti e quando si accende si illumina il gioco della squadra. 

BACCA 6: Realizza il pesantissimo gol della vittoria e solo per questo rende la sua partita sufficiente. Ottantasette minuti di niente : prenda esempio da Lapadula. 

NIANG 5: Fumoso e inconcludente. E' il lontano parente del giocatore osservato nella prima parte di stagione. 

MONTELLA 6: La sua squadra è sulle gambe. Se fosse finita in pareggio non ci sarebbe stato nulla da dire. Due meriti: il cambio Pasalic-Lapadula e l'incredibile solidità difensiva. 15 gol in 17 partite sono numeri da squadra vera. Ora viene il bello: doppia sfida col Torino tra coppa e campionato e Napoli in casa in una sfida che farà capire il vero valore della nostra stagione. 

Andrea Rastelli
Amazing Milan

Nessun commento:

Posta un commento