Il bilancio di metà stagione

Il Milan ha concluso la sua prima parte di stagione al quinto posto con una partita in meno da recuperare col Bologna e una Supercoppa italiana in faretra conquistata a Doha battendo ai rigori la Juventus campione d'Italia in carica.  

La squadra sta andando oltre i propri limiti e sta lottando con squadre più attrezzate (Napoli, Roma) per un posto in Champions League. Andiamo ora ad analizzare le positività e le negatività della squadra: 


TOP : Il Milan sta tornando ad essere squadra "vera", capace di saper soffrire portando a casa ad ogni costo i tre punti. Romagnoli (voto 7,5) e Paletta (voto 7,5)  stanno formando una coppia di centrali difensivi che è il giusto compromesso fra quantità e qualità. L'argentino sta vivendo l'anno della vita, mentre Romagnoli cresce progressivamente di partita in partita dimostrando che l'investimento da 30 milioni della scorsa estate non era tanto campato per aria. In questa ritrovata solidità difensiva spiccano le parate decisive di Gianluigi Donnarumma (voto 7,5). Alcune di queste, ad esempio quelle contro la Juventus in campionato e in Supercoppa italiana, potrebbero essere immortalate tranquillamente in qualche poster da copertina. 
Tutte queste positività non sarebbero state possibili senza l'arrivo dell'allenatore Vincenzo Montella (voto 9 ) che ha saputo concretizzare il lavoro di Mihajlovic valorizzando giocatori che parevano persi per i boschi di Milanello. Dal lavoro sul campo alle conferenze stampa solo giudizi positivi per l'allenatore campano. 


FLOP: Se la difesa sta tenendo oltre ogni più rosea aspettativa l'attacco fa tanta fatica ad esprimere pienamente il suo potenziale. Carlos Bacca ( voto 5) ha segnato 6 reti, ma è a secco da ottobre e l'atteggiamento tenuto nelle ultime sue uscite con la maglia rossonera è stato tutt'altro che ammirevole. Gianluca Lapadula (voto 6,5), nonostante i gol pesantissimi segnati contro Palermo, Crotone e Empoli, sembra non essere ancora pienamente pronto per poter reggere il peso della titolarità rossonera. Esente da voto Luiz Adriano sempre più corpo estraneo alla squadra e ormai ai margini della rosa. 


IL MIGLIORE : Suso (Voto 8). Il giocatore spagnolo non è più una piacevole scoperta, ma una solida realtà. Dopo i 6 mesi di "Erasmus Gasperiniano" a Genova, il Milan ha ritrovato un altro giocatore. Molto più sicuro di se, molto più disciplinato e sempre più protagonista partita dopo partita. Gol pesanti, assist preziosi e un sinistro che impazzire gli esteti del calcio. 

IL PEGGIORE :  Sosa ( Voto 4). L'argentino non è mai stato realmente coinvolto nel progetto Milan. Spezzoni di gare anonimi finiti sempre con i fischi di San Siro. Ancora oggi facciamo fatica a capire le ragioni del suo acquisto e dell'esborso di 8 milioni da parte della società. 


Andrea Rastelli
Amazing Milan

Nessun commento:

Posta un commento