Fiorentina 2-1 Milan | Le pagelle!

DIEGO LOPEZ 7: Salva tutto il salvabile. Negli ultimi dieci minuti assiste inerte al terribile uno-due viola. Portiere che non centra nulla con il contesto tecnico mediocre visto durante la "memorabile" stagione 2014-2015. 

ABATE 6: Rientro apprezzabile per volontà e spirito di sacrificio. Denota i consueti difetti tecnici insopportabili per un giocatore di serie A. (Dal'87' BONERA s.v:)

MEXES 5,5: Troppi errori in fase di costruzione, si perde svariate volte l'uomo di riferimento. Pretendiamo da lui ben altre prestazioni. 

PALETTA 6: Fino al momento del gol l'ex giocatore del Parma si era reso protagonista di una bella partita. Pesa tanto sulla valutazione finale il delirio collettivo degli ultimi dieci minuti di gara. 

ANTONELLI 5,5: Joaquin lo mette in difficoltà svariate volte. In fase di spinta si propone poco. Partita di sofferenza per l'ex capitano del Genoa.


ESSIEN 5: In difficoltà per 90 minuti. Troppi errori. Ex giocatore, improponibile anche per questa serie A. (Dal 90' PAZZINI s.v: Cambio che conferma la momentanea inadeguatezza di Filippo Inzaghi come allenatore.) 

VAN GINKEL 5: Troppa timidezza e pochissima personalità. Non si propone mai. Un fantasma che vaga per il campo. 

BONAVENTURA 5,5: Si danna l'anima nella fase difensiva per poi essere poco lucido in quella offensiva. Se si appanna pure lui sono dolori per la squadra rossonera. 

HONDA 5,5: Nel primo tempo sbaglia delle occasioni facili che potevano cambiare radicalmente la partita. Nel secondo tempo non la vede mai e viene cambiato in maniera tardiva. (Dal 80' CERCI s.v:)

MENEZ 6: Apprezzabile partita per il francese che si sbatte anche in fase difensiva. Mezzo voto in meno per l'evitabile ammonizione rimediata nel primo tempo. 

DESTRO 6,5: In tutta la partita ha due occasioni. Nella prima segna, nella seconda sfiora il gol del pareggio. In una squadra che pratica l'anti calcio è una media veramente apprezzabile.


INZAGHI 4,5: L'aver fatto meno schifo del solito non giustifica l'ennesima prestazione mediocre. Il Milan di Inzaghi verrà ricordato per essere solido e forte quanto un criceto dinnanzi ad uno squalo. Squadra senza personalità, senza gioco e dignità. La società, facendo continuare questo strazio capitanato da mister Pippo Inzaghi, sta calpestando la nostra pazienza. Vergogna! 



Andrea Rastelli
Amazing Milan

Nessun commento:

Posta un commento