Tre punti scaccia crisi! | Milan 2-0 Cesena

Incredibile ma vero. Il Milan torna alla vittoria dopo il brutto pareggio con l'Empoli e momentaneamente ritorna nella parte sinistra della classifica. Tre punti conquistati contro la penultima squadra in graduatoria, quel Cesena che tanto bene ha fatto la settimana scorsa contro la capolista Juventus. 
Oggi Inzaghi ha sperimentato l'ennesimo modulo stagionale, ottenendo buone risposte a livello offensivo. I rossoneri, infatti, scendono in campo con un 4-3-1-2 inedito, con il jolly Bonaventura impiegato da trequartista. Al contrario di tantissime partite, oggi l'approccio alla gara è stato eccellente. Dopo soli poco più di un minuto il Milan aveva già segnato con Poli, abile a ribadire in rete un tiro di Bonaventura ma il goal è stato annullato giustamente per la posizione attiva di fuorigioco di Destro. Buone trame di gioco fin dall'inizio della partita, tanta intensità, tanto pressing e tanta voglia.

Infatti il goal non tarda ad arrivare: al 23' il solito Jack insacca dal limite dell'area su assist di Menez. Un goal importante, segnato dal miglior giocatore della stagione rossonera, che si mette sempre a disposizione della squadra e sta diventando un giocatore completo, abile a giocare in qualsiasi zona del campo. Proprio lui, paradossalmente, che doveva essere un giocatore dell'Inter e che abbiamo soffiato alla concorrenza nelle ultime ore del mercato estivo.

La squadra, stranamente, ha giocato trenta minuti in maniera convincente, proprio come non vedevamo dalla gara contro il Napoli di Dicembre. Potevamo anche arrotondare il risultato se solo Menez avesse passato la palla ai suoi compagni in alcune occasioni, come al solito direi. Dopo 47 minuti abbastanza buoni, la beffa era dietro l'angolo. Solo grazie ad uno strepitoso Abbiati abbiamo concluso in vantaggio il primo tempo perché il "vecchio" portiere rossonero ha compiuto un vero e proprio miracolo su De Feudis che aveva tirato a botta sicura.

Il secondo tempo, invece, è stato meno positivo. Sono usciti fuori tutti i timori del Milan che non è riuscito a chiudere la partita, nonostante il palo del solito Bonaventura su assist di Menez. Non che il Cesena abbia creato delle occasioni, sia chiaro. Anzi, i rossoneri si sono rintanati un po' troppo nella propria metà campo, dimostrando quasi di aver paura di vincere.
Nel finale il Milan riesce a mettere al sicuro la vittoria con Pazzini che  trasforma un rigore abbastanza "generoso" fischiato per una trattenuta di Carbonero su Antonelli.

Una vittoria sicuramente meritata, dopo un buon primo tempo e una seconda frazione meno intensa. Però oggi erano fondamentali i tre punti perché non vincevamo da troppo tempo, se non consideriamo la vittoria contro lo sfortunato Parma. Ma non possiamo certamente essere contenti più di tanto perché, con tutto il rispetto, abbiamo vinto con il Cesena penultimo in classifica e con un piede già in serie B.

Bisogna continuare a lavorare tantissimo perché siamo troppo indietro mentalmente e fisicamente rispetto a tante squadre e bisogna riuscire ad integrare nel gioco Mattia Destro che oggi non ha fatto una grande partita perché poco assistito dai suoi compagni.

Sicuramente la nota positiva è stata la posizione del trequartista, Bonaventura, che ha disputato una grandissima partita, creando tante difficoltà agli avversari e facendo sempre l'elastico tra centrocampo e attacco. Vedremo se il mister continuerà con questo modulo o se si inventerà qualche altra cosa ma sicuramente dobbiamo vincere a prescindere dai moduli, cercando di esprimere quantomeno un buon calcio.


Cosimo Chieco
Amazing Milan

Nessun commento:

Posta un commento