Milan 2-0 Cesena | Le pagelle!

ABBIATI 7: La sua parata sul finire del primo tempo salva la squadra dall'ennesima figuraccia stagionale. Nel secondo tempo amministra con autorità senza essere quasi mai chiamato in causa.

BONERA 6: Prestazione sufficiente. Si disimpegna bene nella fase difensiva. Si è visto di peggio su quella fascia in questa disgraziata stagione.

RAMI 6: Impiegato nel suo ruolo naturale, dopo le sciagurate esperienza da laterale basso, è autore di una buona partita. Lo vorremmo vedere sempre così concentrato.

BOCCHETTI 6: Ci è parso un po' troppo svagato nel primo tempo, infatti rimedia in maniera ingenua l'ammonizione. Nel secondo tempo è più attento e si guadagna una meritata sufficienza.

ANTONELLI 7: Salva con una respinta un gol già fatto da Djuric. Ottima prestazione in entrambe le fasi di gioco. Sarà dura togliergli il posto da titolare. 

MONTOLIVO 5,5: Troppo lento. Non ci sembra possa essere il leader del centrocampo rossonero, anche se ad onor di cronaca da mezzala rende meno che da regista. Viene sostituito in maniera tardiva. (Dal 79' VAN GINKEL s.v:)

DE JONG 6: Da protezione ai centrali difensivi rossoneri mostrando i soliti difetti in fase di costruzione di gioco. Niente di nuovo, cose viste e straviste da tre anni a questa parte. 

POLI 6,5: Il più in forma dei centrocampisti rossoneri. Oltre al gol, giustamente annullato, da tanta solidità alla linea mediana. Ci piacerebbe cambiare il giudizio su di lui. E' sulla buona strada. 

BONAVENTURA 7: Segna un gol vitale nel primo tempo e scalfisce il palo nel secondo. Tanto dinamismo e tanta qualità. Ogni weekend migliora. Nota positiva in una stagione piena di negatività.

MENEZ 6: Il Milan si accende con le sue serpentine. Crea sempre problemi alla difesa cesenate. Ha il difetto di essere un po' troppo discontinuo, ma la sua prova è assolutamente sufficiente. (Dal 85' CERCI s.v:)

DESTRO 5: Non gli arriva un pallone giocabile, quindi di conseguenza risulta essere inutile alla manovra esattamente come Fernando Torres nella prima parte di stagione. La sostituzione subita rischia di fargli perdere fiducia. (Dal 62' PAZZINI 6: Ha sempre il merito di lottare su ogni pallone. Realizza il calcio di rigore generoso concesso dall'arbitro. Prestazione fiduciosa ed incoraggiante.) 


INZAGHI 6: Il suo Milan prende un brodino e si risolleva in classifica dopo 40 giorni da brivido. Si fa fatica a giudicare un allenatore praticamente già virtualmente esonerato. Gli obiettivi per questo finale di stagione devono essere quelli di ridare dignità alla squadra e cercare di limitare gli errori intravisti in questi primi sei mesi.


Andrea Rastelli
Amazing Milan

Nessun commento:

Posta un commento